La lucciola

La luna piena minchionò la lucciola: – Sarà l’effetto del’economia, ma quer lume che porti è deboluccio… – Sì – disse quella – ma la luce è mia! Trilussa da  ” Acqua e vino “

Difetto de pronunzia

Er re, finito er giro der castello, chiese ar guardiano: – E dove avete messo quer pappagallo che strillava spesso ” Viva la libbertà ” dietro ar cancello? Ancora me ricordo de la pena che provò l’avo mio quanno l’intese; s’interessò der fatto e a proprie spese decise d’allungaje la catena. – Er guardiano rispose. – Ancora campa; ma je … Continua a leggere

Riconoscenza

– Famme largo! – commannò un Mijardo a un Quattrinello che je stava intorno – Ormai ciò un nome e merito riguardo. – Lo so – disse er Centesimo ancora me ricordo de quer giorno che te tenni a battesimo!                                    Trilussa da “Acqua e vino”

La festa der somaro

La capre compativeno er somaro: ” Quanto devi patì co’ ‘sta capezza! “ ” Mah – fece lui – quann’uno ce s’avvezza finisce che je serve da riparo. Eppoi, se la domenica er padrone me porta in giro dove c’è la fiera, co’ li pennacchi e co’ la sonagliera, me scordo tutto. Che soddifazione! Trilussa da ” Acqua e vino … Continua a leggere

Pappagallo ermetico

Un pappagallo recitava Dante: ” Pape Satàn, pape Satàn aleppe” Ammalappena un critico lo seppe corse a sentillo e disse: – E’ impressionante! – Oggigiorno, chi esprime er su’ pensiero seza spiegasse bene, è un genio vero: un genio ch’è rimasto, per modestia, nascosto ner cervello d’una bestia. Se vòi l’ammirazzione de l’amichi nun faje capì mai quelo che dichi. … Continua a leggere

Er piccione e er pollo

Un piccione che stava su la sua, sentì che un pollo lo chiamò fratello. – Abbada come parli – fece quello ch’io nun so’ mica de la razza tua! Devi pensàche ‘n anteneto mio scese ar celo du’ mil’anni fa… Ma tu da dove venghi? – E chi lo sa? – rispose er pollo – Cià pensato Iddio. Der resto, … Continua a leggere

Sogno

Jernotte m’insognai che intrufolavo er muso in un cancello chiuso, che nun s’apriva mai. Vedevo un ber giardino e stavo co’ l’idea de coje n’azzalea ner vaso più vicino. Ma proprio ner momento ch’allungavo la mano, m’ariva da lontano come un bombardamento. Me svejo tra li lampi che m’entreno nell’occhi: che furmini, che scrocchi che tempo, Dio ce scampi! Pensai: … Continua a leggere

La prescia

Nell’ Isoletta de li Presciolosi cianno un da fa’ che nun finisce mai: lo stesso Re, che regola er via-vai, sorveja che nessuno s’ariposi. – Forza! – je strilla – Presto! – E tutti quanti, per esse primi fanno a chi più corre. Perfino er vecchio orloggio dela torre, pe’ nun sbajasse, va mezz’ora avanti.                                                       Trilussa da ” Acqua … Continua a leggere